Tutti i colori del benessere
Sei in: Altro

Un autentico tormento per molte donne

Un autentico tormento per molte donne è rappresentato da infezione da Candida.

Circa il 75% delle donne ha avuto o avrà nel corso della propria vita almeno un episodio di micosi vulvovaginale, causata nel 90% dei casi da un fungo denominato Candida Albicans . Altro dato non trascurabile è che la recidiva, cioè un ulteriore episodio infettivo, si verifica in circa il 40-50% delle donne. Circa il 5% della intera popolazione femminile adulta presenta 4 o più episodi di vulvovaginite micotica durante l'anno.

La Candida anche se in piccole concentrazioni è normalmente presente nella vagina insieme ad altri batteri (più numerosi), in particolare il Bacillo di Doderlein; tutti insieme formano quello che viene anche chiamato ecosistema vaginale. Il giusto equilibrio tra queste componenti consente di mantenere un pH normale (compreso tra 3, 8 e 4, 2) ed una giusta lubrificazione della vagina. La Candida è anche presente in altri distretti dell'organismo, in particolare a livello intestinale.

Sono state identificate alcune condizioni predisponenti che spesso, proprio attraverso l'alterazione di questo ecosistema consentono il suo sviluppo e la comparsa dei sintomi tipici dell'infezione. La gravidanza è una di queste condizioni: molte donne proprio durante la gestazione (il pH aumenta) hanno un primo episodio o una recidiva. Altre condizioni sono tutte quelle dove c'è una compromissione delle difese immunitarie come gli stati di Immunodeficienza congenita od acquisita ed il Diabete. Anche l'uso di alcuni farmaci come cortisone o antibiotici (alterano direttamente la flora batterica vaginale) può determinare l'insorgenza di una vulvo-vaginite da Candida. Una particolare frequenza di infezione è stata riscontrata nelle utilizzatrici di contraccettivi orali (favorirebbero una maggiore adesività del fungo alla parete delle cellule), nelle donne obese ed in quelle che solitamente indossano pantaloni molto aderenti.

La medicina non convenzionale, per cercare di eliminare la Candida, si serve di un triplo attacco, utilizzando diversi prodotti estratti dalle erbe come l’aglio, acido caprilico (un estratto del cocco), succo di aloe vera, liquirizia, Idraste e/o echinacea.

Contemporaneamente si preoccupa di ricostituire la flora intestinale servendosi di ceppi batterici di provata vitalità per creare nuove colonie di L. acidophilus e Bifidobacteria, che sono i naturali elementi di controllo dell’attività della Candida, e che normalmente vengono danneggiati non appena si usano dei farmaci steroidi o antibiotici.

In aggiunta si consiglia una dieta a basso contenuto di zuccheri e ricca di carboidrati e di derivati del latte biologicamente attivi. Questi metodi in genere sono molto efficaci, ma possono necessitare di 6 mesi ed anche più per riportare a valori normali la presenza della Candida. L’alcol deve essere evitato totalmente perché, allo stesso modo dello zucchero, viene metabolizzato dal corpo e fornisce sostanze utili per la crescita della Candida. È importante che la dieta sia a basso contenuto di - zuccheri perché favoriscono la fermentazione, che a sua volta favorisce l’attività dei miceti. Esistono, poi, delle sostanze dolci, conosciute col nome di frutto-oligosaccaridi (FOS) derivati dai topinambur e dalle radici di tarassaco che favoriscono la crescita dei bifidobatteri e non quella dei miceti.

Alcuni pazienti devono essere pronti ad abbandonare, almeno per alcuni mesi, tutti i cibi contenenti lieviti o muffe (compresi i formaggi azzurri) perché il corpo potrebbe essere diventato sensibile ai fermenti o ai loro derivati.

TRE MESI BASILARI DI STRATEGIA ANTI-CANDIDA
Da intraprendere sotto controllo di personale medico qualificato da titolo di studio.

  • Acido caprilico (un estratto antimicotico del cocco) - una capsula ad ogni pasto (tre volte al giorno).
  • Biotina - 500 microgrammi (mcg) due volte al giorno. Questa vitamina del gruppo B contribuisce a controllare l’aggressività dei miceti.
  • Aglio - 1 capsula a pasto (tre volte al giorno). Fungicida ed antibiotico
  • Pau D’arco tè - da 3 a 4 volte al giorno.
  • Una qualsiasi delle 3 erbe seguenti, da sola o combinata:

    · Hidrastis canadensis (rizoma d’idraste)

    · Berberis vulgaris (crespino) - e/o

    · Echinacea angustifolia - 3 volte al giorno come fungicida, antibatterico e sostegno per il potenziamento immunitario.

    Come incrementare il ripopolamento della flora intestinale:

    Ottime qualità di acidophilus e Bifidobacteria (in polvere o capsule) fra i pasti (3 volte al giorno): una capsula di ciascuno, o da un quarto ad un cucchiaino da tè di preparato in polvere di ciascuno, da aggiungere al L. bulgaricus. Anche gli integratori alimentari possono essere utili l’assunzione di complessi multivitaminici/multiminerali, ben formulati ed ipoallergenici, può essere sufficiente a fornire almeno il quantitativo giornaliero dei più importanti elementi nutritivi.

    CONSIGLI DIETETICI PER LA CANDIDA

    Masticate bene, mangiate lentamente, cercate di non bere molto durante i pasti.

    Fate tre pasti principali (leggeri) al giorno e, se potete, altri due piccoli spuntini (privi di zuccheri e non troppo nutrienti), oppure prendete da 3 a 5 grammi di un complesso poliaminoacidico tra i pasti, due volte al giorno.

    Includete nella dieta, quanto più vi è possibile, zenzero, cinnamomo, aglio ed altre erbe aromatiche (ad esempio l’origano) sono tutte fungicide e aiutano la digestione.

    Per favorire le funzioni intestinali, prendete regolarmente (ogni giorno alla stessa ora) almeno un cucchiaio di semi di lino. Inghiottitelo con acqua, senza masticarlo, per procurare delle morbide fibre che favoriscano l’evacuazione.

    Per quanto potete evitate gli zuccheri raffinati e, per le prime settimane, evitate anche la frutta troppo dolce come melone e uva. Eliminate i formaggi stagionati, la frutta secca e ogni cibo che sia derivato o contenga del lievito (in caso di sensibilizzazione).

    La caffeina (caffè, tè, cioccolato, cola, etc.) dev’essere bandita, perché produce un inopportuno rilascio di zucchero dove si è diffusa la Candida.

    Evitate l’alcol

    Se potete, rinunciate a tutti i cibi a base di lievito pane compreso, assieme a tutto ciò che ne viene a contatto durante la preparazione o contenga delle muffe.

    Potreste sentirvi un po’ “sbiaditi” nella prima settimana di un simile programma, mentre si verifica “la caduta” della Candida (reazione di Herxheimer). Passerà spontaneamente. In ogni caso, chiunque abbia avuto sintomi da Candida particolarmente fastidiosi o duraturi, potrà sempre decidere di aggiungere alla dieta grandi dosi di probiotici, per una settimana o più, prima d’iniziare il programma anti-Candida, e limitare l’effetto della “caduta” (reazione di Herxheimer).

    Candidosi e funzione immunitaria

    La candidosi ricorrente è comune fra le persone con un sistema immunitario compromesso e può diventare cronica e generalizzata man mano che la deficienza immunitaria si aggrava. Il medico naturopata canadese Eilen Stretch sostiene che una candidosi vaginale inspiegabile e per di più resistente al trattamento è spesso l’unica indicazione clinica di una grave e strisciante immunodeficienza. Col progredire della crescita eccessiva dei miceti, sia negli uomini che nelle donne, in presenza di un sistema immunitario compromesso, la candida spesso si diffonde alla bocca, alla laringe e alla faringe, talvolta fino allo stomaco e all’esofago.

    Uno degli effetti chiave della candidosi cronica è dato dai danni causati alle pareti dell’intestino; danni che permettono l’infiltrazione di diverse sostanze tossiche ed antigeniche nel flusso sanguigno. Gli effetti di questo passaggio si manifestano in forma allergica nelle persone che hanno le funzioni immunitarie abbassate.

    La dott.ssa Eunice Carlson dell’Università del Michigan ha dimostrato che quando all’interno dell’organismo la Candida è attivamente presente contemporaneamente ad un altro agente come, per esempio, lo Stafilococco aureo, la tossicità di quest’ultimo ne risulta fortemente potenziata e può dar luogo alla letale Sindrome da Shock Tossico.

    Danni ecologici causati dagli antibiotici - connessioni con la candida

    Un rischio del trattamento antibiotico, soprattutto se prolungato, è che l’equilibrio degli organismi che vivono normalmente dentro il corpo può essere rotto. In particolare, gli antibiotici possono distruggere i batteri che impediscono la crescita della Candida, un fungo che si trova spesso nel corpo in piccole quantità. Ciò può portare alla crescita abnorme della Candida (conosciuta anche come mughetto) nella bocca, nella vagina e nell’intestino.

    Si deve considerare che la Candida non è presente solo “spesso” all’interno del corpo, ma sempre, nell’attesa dell’opportunità di diffondersi non appena i controlli naturali (i batteri benefici ad esempio) s’indeboliscono.

    L’esistenza di una connessione fra l’uso degli antibiotici e la crescita abnorme della Candida è già risaputa da tantissimo tempo. Perché ci si renda conto di quanto tempo addietro ciò sia stato notato e dibattuto dai medici, verranno trascritti, qui di seguito, dei passi da una relazione del 1952 fatta dai dottori Huppert, MacPherson e Cazin, tutti del Reparto di batteriologia ed immunologia della Facoltà di medicina dell'Università della Carolina del Nord.

    Vennero proposte tre teorie per spiegare come mai si verificasse una crescita esuberante di Candida dopo un trattamento antibiotico:

    1. La somministrazione di antibiotici sconvolge l’equilibrio in cui vive la flora normale… permettendo alle specie resistenti (funghi, che, ovviamente, non sono sensibili agli antibiotici) di aumentare notevolmente la loro popolazione e quindi sopraffare la resistenza dell’ospite.

    2. L’intromissione nella flora batterica della terapia antibiotica, disturba la produzione di sostanze nutritive (soprattutto la produzione di vitamina B, che viene prodotta dalla flora abituale) compromettendo l’integrità delle membrane mucose ed aprendovi delle brecce per gli organismi che non sarebbero in grado di attraversarle in condizioni di salute.

    3. Alcuni antibiotici stimolano in modo diretto la crescita e/o la virulenza della Candida albicans.

    Ciò che rende estremamente interessante questa relazione, vecchia peraltro di quasi mezzo secolo, è l’esattezza delle sue supposizioni: la normale flora batterica che tiene a bada i funghi viene danneggiata dagli antibiotici, permettendo loro di colonizzare l’intestino. Poiché la flora normale non è più in grado di produrre la vitamine B (svolge anche la funzione di mantenere il giusto grado di acidità), il rivestimento dell’intestino ne risulta danneggiato, permettendo l’infiltrazione nel flusso sanguigno non solo dei funghi ma anche di tutti i tipi di scorie che possono causare reazioni tossiche ed allergiche.

    http://www.erboristeriarcobaleno.com/candida.html

    Questo sito utilizza cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. Leggi di più Chiudi